Governucci: "Picerno scorretto, ma noi troppo ingenui. Domani è una finale da vincere a tutti i costi..."

di Vincenzo Piergallino
articolo letto 537 volte
Foto

In casa Turris il ds Governucci archivia la sconfitta di Picerno e proietta l’ambiente verso il delicato impegno col Gravina: Bisogna ripartire dal secondo tempo di Picerno, dove abbiamo messo in seria difficoltà un avversario comunque di qualità, dopo una prima frazione nella quale invece potevamo fare di più. La polemica Carannante-Arleo? Nulla contro la società Picerno, alla quale non ho nulla da rimproverare sotto l’aspetto dell’ospitalità. Ma in campo squadra ed allenatore hanno assunto un comportamento veramente antisportivo e scorretto. Capisco e ritengo legittimo battersi con ardore per cercare la vittoria, ma arrivare a nascondere i palloni lo ritengo un qualcosa di assurdo ed esagerato, anche perché i padroni di casa non si stavano giocando chissà quale obiettivo. Detto questo, però, noi siamo stati troppo ingenui nel cadere nel tranello degli avversari. Non possiamo permetterci in questo momento così importante per la stagione di regalare uomini con delle squalifiche evitabilissime. I cartellini andavano sicuramente gestiti meglio nell’ultimo periodo”.

Sull’imminente match col Gravina: Domani per noi è una finale. L’unico nostro pensiero deve essere quello di battere il Gravina, a tutti i costi. Spero che ci sia il pubblico delle grandi occasioni a sostenerci, perché mai come questa volta la squadra ha bisogno della spinta del Liguori, viste anche le pesanti defezioni”.


Altre notizie
Domenica 15 Luglio
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy