I casi Bari e Avellino, i gironi e l'attesa per i ricorsi: i motivi che bloccano anche la D!

di Vincenzo Piergallino
Fonte: calabriagol
articolo letto 925 volte
Foto

Non solo la B e la C, sulla testa della LND sono cadute le "tegole" Bari, Avellino, Cesena e tutte le altre. Soprattutto la questione relativa agli irpini, che solo ieri hanno avuto il diniego dal TAR per la partecipazione alla serie cadetta, ha guastato i piani della Lega Nazionale Dilettanti, che ora deve rifare tutto in tema di ammissioni in sovrannumero. In più, c'è la questione relativa alla partecipazione negli stessi gironi di alcuni club blasonati (rischio medesimo raggruppamento per il nuovo Modena, il nuovo Cesena e il la nuova Reggiana) e il tentativo di alcune piazze importanti di ottenere subito il ripescaggio in C.

La Gazzetta dello Sport fa il punto della situazione:

"La Lega Nazionale Dilettanti aveva fatto le cose per bene e per tempo: unica a comunicare termini, criteri, graduatorie di ammissioni e ripescaggi. Gli ultimi di Cannara e Anzio il 3 agosto, dopo che Cavese e Imolese hanno riacciuffato la C. La Lnd aveva pure fissato le date per la composizione dei gironi in cui distribuire le 162 squadre (18 agosto) e il sorteggio dei calendari (21). Poi, è arrivato il ciclone Bari. Il primo contatto tra De Laurentiis e Sibilia ha prodotto scintille, oggetto di una telefonata vivace la richiesta di trattare individualmente i diritti tv (con Sky e Telenorba). Ora le mire di Adl si sono trasferite al piano superiore, per ottenere un posto in C. Trattativa difficile, Fabbricini ieri ha ricevuto il sindaco Decaro e gli ha chiesto di inviare richiesta formale anche a Lega Pro e Lnd, poi si valuterà...

...Nel frattempo, sulla Lnd è piovuta anche la tegola Avellino. Impossibile tenerlo fuori, ma i tempi sono stretti. Entro le 14 di oggi il sindaco Ciampi attende le manifestazioni di interesse per rilevare il titolo sportivo. Ottenuta l’affiliazione dalla Figc, domani deve essere perfezionata l’iscrizione in D. Tra le cordate interessate c’è la famiglia Preziosi. Il patron del Genoa ha già inviato in città il figlio Davide, che dovrebbe assumere la presidenza. Bari e Avellino saranno iscritte in sovrannumero, a meno che Prato e Como (già bocciati) domani non ottengano dal Collegio di garanzia il ripescaggio in C".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy