Governucci: "Grimaldi sposa la mia idea di calcio. Vogliamo migliorarci. Celiento, Marotta e Longo profili interessanti, ma..."

di Vincenzo Piergallino
Fonte: sportcampania.it
articolo letto 797 volte
Foto

Come ribadito nei giorni scorsi, la Turris continua ad essere un cantiere aperto e il direttore sportivo Antonio Governucci è in continuo lavoro per costruire la squadra per la prossima stagione. Prima l’arrivo di Teore Sossio Grimaldi, poi le conferme di under di valore, il dirigente corallino ha rilasciato un’interessante intervista ai microfoni di “Metropolis” che qui riportiamo:

“Al di là del rapporto che c’è con Grimaldi, Teore è stato scelto perché sposava la mia idea di calcio. Lui è un allenatore propositivo, giovane e ambizioso. Compie un grandissimo lavoro con i giovani e lo abbiamo visto a Fratta e con il Gladiator. Sa valorizzare al meglio la rosa che ha a disposizione. Anche a Cerignola ha svolto un buon lavoro, tanto che nella gara giocata a Torre del Greco il pubblico della Turris ha apprezzato la sua tipologia di gioco. Poi gioca con un 4-3-3 che esalta il tutto. Non c’è mai stata competizione con altri allenatori, che pur avevo in mente, anche se in tal senso ringrazio il presidente Colantonio e il direttore Primicile per aver avallato la mia scelta”.

Sulle conferme: Stiamo valutando anche gli over con la società e il tecnico stiamo vagliando chi può restare. Ciò non toglie che alla squadra va fatto un plauso per quanto fatto. Abbiamo avuto un periodo difficile in cui tutti ci siamo messi in discussione ma abbiamo conquistato l’obiettivo. In base all’ambizione che abbiamo il prossimo campionato è chiaro che non possiamo confermare tutti”.

Sugli obiettivi della prossima stagione: “L’obiettivo è quello di alzare l’asticella rispetto al campionato appena concluso. Vogliamo migliorarci e disputare un buon campionato, cercando di far caricare l’ambiente e vedere uno stadio pieno come nella gara play-out, dove abbiamo assistito a uno spettacolo stupendo. Longo, Marotta e Celiento? A chi non piacerebbe avere quei 3 in rosa. Hanno fatto benissimo quando sono stati allenati da mister Grimaldi, anche se allora non avevano un valore di mercato come quello attuale. Sono profili che potrebbero interessare ma è chiaro che bisogna fare i conti anche con l’aspetto economico. C’è un budget da rispettare e bisognerebbe trovare un punto d’incontro. Comunque è ancora presto per parlare di nomi di mercato, siamo solo a inizio giugno”.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy